Maria Canzano, Istruttrice del circolo I Tifatini

328

di Dott.ssa Cristiana Barone

Lei è  stata tra i primi istruttori in Campania a credere nel movimento dei pony games insieme a Sonia Palomba; può dirci come nasce la sua passione per questo settore? “La mia passione per il settore, che non è solo pony games, nasce da due necessità, la prima, quella di cercare una valida alternativa all’equitazione classica che permettesse di mettere in sella anche i più piccoli e con un metodo innovativo, la seconda, quella di lavorare a contatto con i bambini, platea a me congeniale”.   Siamo soliti intervistare gli atleti ma, questa volta, vorremmo sapere qualcosa di lei, quando inizia la sua attività di tecnico, cosa prova ad istruire i bambini di 4/14 anni? “Ho iniziato a seguire i corsi con Cave’ circa 15 anni fa e sono tecnico, ormai, da numerosi anni. Quando sono in campo con i miei allievi dimentico tutto, sono serena e questa è la prima cosa che mi sento di dire”.     Tutti riconoscono il clima di amicizia e collaborazione che esiste nel settore pony games, può dirci quale è la formula magica per ottenere questo? “Il clima di amicizia e collaborazione è una complessa alchimia di rapporti tra donne intelligenti e capaci di mettersi in discussione, di credere fermamente in quello che si fa, di lavorare con una grande passione e una forte motivazione, tutte ci riconosciamo in queste caratteristiche”.    Quanti atleti ci sono nel suo circolo? “Abbiamo circa 150 tesserati”   Quali sono i prossimi obiettivi? “Innanzitutto ho il mio grosso personale progetto che è quello di fare uno spettacolo di Caroselli a Maggio e, contemporaneamente, di preparare gli allievi della scuola per le prossime gare regionali e nazionali e insieme alle colleghe, iniziare ad allenare le squadre campane per le Ponyadi”.